Di seguito tutte le poesie pubblicate sul blog, in ordine cronologico.
 
 
Di oretta (del 22/06/2009 @ 15:34:35, in Album diario giugno 2009, linkato 8787 volte)

Francesco Petrollo 

In Italia abbiamo dieci volte il numero di leggi
che hanno Francia Germania e Inghilterra.
Bisogna trovar modo di diminuire il numero di leggi.

 

L’ordine la matematica le leggi

sono pilastri travi ponti porte. 

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (26)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 23/06/2009 @ 13:05:24, in Album diario giugno 2009, linkato 13099 volte)


Francesco Petrollo

vivere donna è difficile cosa

ma quanto tocca all'uomo sembra peggio.

- uomini - donne - bambinetti - bimbe -

mentre il mondo che cambia corre corre

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (30)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 27/06/2009 @ 11:01:04, in Album diario giugno 2009, linkato 14332 volte)

Anna Francesca Gutris

 

Sto lavorando per modernizzare il sito con l’aiuto di mio nipote Luciano e del collaboratore Giovanni. Metterò i pdf di alcuni libri e le strisce con dipinti rendendoli leggibili.

 

Rimanere moderni è rinnovarsi

accettando il continuo cambiamento.

 

Cercare il modo altro arte e voglia

di abbellire inventare rifinire

per capire il progresso tradizione

dell’antico moderno vecchio e nuovo.

Da poesie per Giovanni

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (41)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 28/06/2009 @ 11:25:41, in Album diario giugno 2009, linkato 12266 volte)

Gennaro Sardella

Le strisce mi fanno conoscere la poesia nuova che ho avuto la ventura di scrivere e mi mettono in contatto con artisti e artiste, che ho sempre amato frequentare.

 

L'arte la poesia trova il bersaglio

del mondo che si cambia da capire

condividendo adagio insieme agli altri

che vogliono che possono che fanno

tutti uguali e diversi avanti e indietro.

 

Da oikos Poesie per Giovanni

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (42)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 29/06/2009 @ 10:32:32, in Album diario giugno 2009, linkato 9278 volte)

Giuliano Guatta

 

Il neonato umano è totalmente incapace e invidia, la madre ne assume l’esistere facendolo sentire onnipotente. Il delirio è una regressione all’onnipotenza infantile. Invidiare è sentirsi totalmente incapaci, vale a dire narcisisti nichilisti.

 

L’uguaglianza è un errore di visione

che conduce l’invidia nella fede.

Trovare l’uguaglianza dei valori

nell’astratto e concreto dire e fare

è la sopravvivenza del fantastico

che dà fiato alla vita e che innamora.

Da AGORA Poesie per Giovanni

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (22)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 30/06/2009 @ 11:02:54, in Album diario giugno 2009, linkato 16433 volte)

Aurelia Sansone

 

Sono socia da trentacinque anni del Circolo della Stampa di Milano, dove ho presentato una trentina di volte miei lavori. Venerdì scorso ho incontrato il Presidente e gli ho chiesto di presentare il prossimo aggiornamento del mio sito internet con libri e strisce leggibili in pdf,  mi darà una risposta a giorni.

Internet è una meraviglia culturale che sta rivoluzionando il mondo.

 

La fantasiosa libertà del dire

che mi dona parlando poesia

è tornata col vento e con il sole

che internet dà alla vita tra le nuvole.

 Da Poesie per Giovanni

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (37)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 01/07/2009 @ 10:43:18, in Album diario luglio 2009, linkato 15348 volte)

Lettera a Paolo Di Stefano – blog Leggere e Scrivee - Corriere della Sera

Carissimo Paolo, vorrei sapere perché leggi la bibbia. La reazione di Rex alla tua lettura mi ha sconcertato, perché l’ha resa un libro ameno. La questione religiosa in Italia è molto grave, perché continuano a diminuire gli adepti e i seguaci. Gli sforzi di modernizzazione a me sembra non diano frutti. Per esperienza ritengo che noi italiani siamo pessimi lettori di libri sacri. Tu da quanto tempo leggi la bibbia e che cosa ne ricavi?

 

Non credere alla morte ma saperla

e ricordare gli anni nel cammino

per la scelta dei limiti al volere

del soffrire decidere donare.

Da Poesie per Giovanni

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (16)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 02/07/2009 @ 15:59:34, in Album diario luglio 2009, linkato 8621 volte)

Lino Marzulli

 

A Milano esistevano quattro gallerie d’arte, che fungevano da punto di ritrovo continuo. C’era la libreria Einaudi, il Biffi Scala, la trattoria Bagutta e pochi altri luoghi di ritrovo culturale innovativo. Oggi il post moderno isola e acceca. Le strisce di poesia e pittura mi aiutano a trovare e ritrovare amici. Oggi ho avuto a pranzo Veronica Menghi che non vedevo da anni. Fare qualcosa insieme è molto importante. Cercare poesie per i quadri degli amici mi aiuta a capire me stessa. Con l’amico percussionista palestinese ho avuto in visita una danzatrice del ventre, che mi ha chiesto poesie per Sharazade. Internet non sostituisce tutto ciò, è altra cosa, importantissima.

 

Un mare imprevedibile e profondo

mi ha portato col vento e la tempesta

un destino di pace danze suoni.

Da Poesie per Giovanni

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (18)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 03/07/2009 @ 15:18:56, in Album diario luglio 2009, linkato 6830 volte)

Anna Francesca Gutris

 

Ho subito messo insieme una striscia per Kesia, la mia nuova amica, ammiratrice di Sharasade. Kesia è venuta a prenderla molto contenta, la prima parte sarà modificata. Kesia mi manderà via internet immagini di danza del ventre.

 

Mi viene naturale mentre ascolto

voci e suoni guardare nella luce

riverberante di colori il buio.

 

Nel buio e nella luce notte e giorno

camminare con gioia voglia vita.

 

Poche parole sotto sempre nuove

per gestire domani un altro giorno

 La fine della storia è un’altra storia.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (25)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 04/07/2009 @ 11:51:38, in Album diario luglio 2009, linkato 8585 volte)

Anna Francesca Gutris

 

Sharazade, racconta Kesia, è andata di sua testa dal sultano, contro la volontà del padre, per convincerlo a non massacrare più le donne dell’harem, come usava.

 

Io penso di affrontare il disamore

del sultano perverso che rovescia

sul sesso con la morte il suo potere

di debole annoiato ripetente.

Da Poesie per Giovanni modificata

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (34)  Storico Storico  Stampa Stampa