Di seguito tutte le poesie pubblicate sul blog, in ordine cronologico.
 
 
Di oretta (del 31/08/2008 @ 12:45:47, in Album diario, linkato 8061 volte)

Gianni Sutera
Gianni Sutera

Non serve parlar male protestare
nel rovesciato mondo che ci assilla
elencare le colpe le vergogne
la fine della storia delle storie.
Trovare altre misure modi amici
lasciandosi portare dalle voci
parole intermittenti umori suoni
con attenzione fantasia coraggio.
Cercare di accettare tutto e tutti
e chi rifiuta e scappa lasciar perdere.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (26)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 30/08/2008 @ 09:48:19, in Album diario, linkato 12882 volte)

Angelo Riccobene
Angelo Riccobene

L’emisfero destro e l’emisfero sinistro del cervello sono complementari. Problemi di complementarità tra gli emisferi cerebrali esistono, sostiene Watzlawick, negli schizofrenici. L’orecchio destro e l’orecchio sinistro hanno ascolto complementare. La terapia Tomatis normalizza l’ascolto delle due orecchie con grandi vantaggi sull’uso del linguaggio, sulla mente e sul corpo. L’influenza dell’ascolto Tomatis sulla complementarietà dei due emisferi cerebrali deve essere studiata. Bisogna considerare un sistema di test all’uopo.

Vedere il mondo nuovo è un’avventura
per se stessi e per gli altri da godere
con gli occhi con le orecchie con il corpo
nella condivisione ammucchia inventa
che adorna le speranze del reale.
Domani è un altro giorno, l’oggi vive
con la fontana il prato il cielo grigio
con gli amici gli incontri le questioni
da prendere e lasciare rileggendo.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (84)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 29/08/2008 @ 09:56:17, in Album diario, linkato 9053 volte)

Angelo Riccobene
Angelo Riccobene

Leggendo Bateson ho imparato che ci sono persone disposte a cambiare idea e altre incapaci di farlo. C’è chi vuole comandare o ubbidire e chi non sopporta di farlo. C’è chi fatica per il bene e chi si dibatte nella banalità del male.

Tutto è diverso inusitato e strano.
nell'era incominciata delle macchine
Non come i nonni il padre né la madre
non come i nostri genitori noi
cambiati ancora i figli ed i nipoti
stravolgono già gli usi ed i costumi,
Senza modelli vecchi ed usi antichi
né maestri che attrezzano al futuro.
lasciare la via vecchia per la nuova
diventa imperativo categorico.
I modi di parlare e rapportarsi
i luoghi per trovarsi e riconoscersi
i lavori le leggi le abitudini
son tutti da rifare e reinventare
Tutto è nuovo e inusato donna ed uomo.
C'è chi corre, chi arranca, chi sta indietro
e l'amore l'affetto l'amicizia
corre arranca sta indietro per seguire
i saperi i ricordi le radici
che sono il nutrimento della vita.
Veloci ci cambiamo ed a ciascuno
mostriamo nello scambio un'altra faccia
e incontrando e scontrandoci le facce
continuiamo a comporre e sovrapporre.
Non amico l'amico dell'amico.
Non amica l'amica dell'amica.
Donne diverse ed uomini variati.
Ma Cecilia che ride piccolissima
trascina nel suo riso il mondo intero.
1993

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (18)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 28/08/2008 @ 10:17:29, in Album diario, linkato 10352 volte)

Angelo Riccobene
Angelo Riccobene

Sono stata una settimana in Calabria, ho staccato internet e festeggiato un compleanno multietnico, Lucia è in Provenza irraggiungibile anche via telefono, Giovanni è in Australia. Stiamo tutti tentando di tirare il fiato.

Il senso della vita e le scoperte
che cambiano i rapporti e la natura
vanno insieme nel mondo degli umani
La nostra civiltà diventa altro
come quando un qualcuno trovò i semi
e la terra divenne coltivata
con scoperte, conquiste, ed invenzioni.
con fatiche, rovine, esperimenti
L'agricoltura cambiò vita agli uomini
quando invase la terra in bene e in male
perché rese possibile più cibo
ma incerto, malagevole, malfido
e ricchezza di braccia i molti figli
ma all'orlo della morte e della fame.
1995

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (23)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 28/08/2008 @ 00:33:00, in Album diario, linkato 9900 volte)

Aurelia Sansone
Aurelia Sansone

Un critico che parla di se stesso, dei propri libri, dei premi cui concorre, nella rubrica che tiene per il pubblico sbalordisce.

Lo scritto marchiato
con nome e casato
bisogna accettare
nel dire e nel fare
deciso e pinzato.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (22)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 28/08/2008 @ 00:15:00, in Album diario, linkato 10128 volte)

Aurelia Sansone
Aurelia Sansone

È il quarto forum di grande giornale che abbandono. I conduttori frequentano il pubblico solo come ospiti d’onore. Io ogni volta lo dimentico e vanamente li invito.

Con loro mangiare
diventa un problema
il cibo è un emblema
del non digiunare
con gente che appare

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (23)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 27/08/2008 @ 23:56:21, in Album diario, linkato 12770 volte)

Aurelia Sansone
Aurelia Sansone

Mi sono scombiccherata, perché sono stata calunniata in un blog del Corriere della Sera e non mi hanno concesso la replica.

Un forum gessato
e molto bennato
con padre il Corriere
che onora il palato
in alto alle sfere.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (22)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 27/08/2008 @ 23:39:02, in Album diario, linkato 14423 volte)

Massimo Campigli
Massimo Campigli

Oggi ho avuto a pranzo una grecista accompagnata da un amico medico amante della poesia. Ho scoperto che la parola estetica è stata inventata nel '600.

Cercare il modo altro arte e voglia
di abbellire inventare rifinire
per capire il progresso tradizione
dell’antico moderno vecchio e nuovo.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (24)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 27/08/2008 @ 10:33:03, in Album diario, linkato 6048 volte)

Gianni Sutera
Gianni Sutera

Vorrei perdermi nei tuoi sospiri
oppure essere un tutt'uno
con l'essere che sai di essere.

Vorrei navigare
dentro i tuoi occhi
come veliero pirata
all'assalto dei sogni
che arrivano sempre in silenzio
per lasciarti con un nodo alla gola.

Vorrei ascoltare i battiti
non del tuo cuore
quelli li conosco già
ma dei tuoi passi
che mi vengono incontro
come pendolo del tempo
nelle notti di luna
quando la tempesta
accarezza gli scogli dell'anima.

Vorrei sfamare la tua rabbia
dandoti
in comodato d'uso
i miei pensieri
che si perdono
sulle rive del fiume
quando finisce la sua corsa
e chiude gli occhi
nell'orgasmo del mare.
gianni sutera 08

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (27)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 26/08/2008 @ 11:05:15, in Album diario, linkato 7577 volte)


Costruire progetti coi pensieri
scopi fini ragioni in leggerezza
da discutere offrire ricambiare
trasmutando nel vento guerre e storia,
rimandare agli umani riso e lacrime
di se stessi con gli altri in prospettiva,
non cercare altre mete sopportarle
per il meglio che hanno, mai il peggio
considerar sfuggendolo al possibile.
2006

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (20)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4