Va pensiero sull'ali di Verdi
Di oretta (del 28/09/2008 @ 12:01:55, in Album diario, linkato 12797 volte)

Accetto la globalizzazione. Ho dato una festa due mesi fa per Ruben, anni quattro, con ventiquattro piccolissimi invitati, un terzo dei quali aveva almeno un genitore non italiano. E quest’estate, a Riace, un gruppo di bambini mi ha cantato gli auguri di compleanno in italiano, inglese ed arabo.
Rispetto però la mia cultura e sono fiera di essere tradotta in otto lingue. Contraddicendo il Sole24ore di stamani  pubblico la mia versione del “Va pensiero di Verdi” come inno nazionale.

Va pensiero sull'ali di Verdi
per cantare all'Italia il suo inno.
All'Italia che libera vota.
All'Italia moderna che va.
All'Italia che parla italiano
coi dialetti da più di mill'anni.
Oh mia patria sì bella e sì amata!
Oh mia Italia la patria sei tu!
Tu sei terra di vita d'amore
di bellezza di fiori di frutti
e di suoni di voci di canti
nei tuoi borghi e le cento città.
Tu sei patria di opere d'arte.
Tu sei patria di libri di storia.
E di effimere mode, di usanze
Oh mia Italia la patria sei tu,
               la mia patria sei tu.