Di seguito tutte le poesie pubblicate sul blog, in ordine cronologico.
 
 
Di oretta (del 24/09/2008 @ 06:52:13, in Album diario, linkato 26720 volte)

Gianni  Sutera
Gianni Sutera

a differenza
del vecchio colonnello
di Marquez
che puntava tutto
sopra un gallo da combattimento

io di due anni più piccola
ho tanti pulcini
che corrono di qua e di là
inseguendo le farfalle 

Non leggete “Cent’anni di solitudine” – leggete “Le poesie per Giovanni” www.heopli.it

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (24)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 25/09/2008 @ 09:56:18, in Album diario, linkato 9371 volte)

Gianni Sutera
Gianni Sutera

Scrivere poesia non è il mestiere
che in milioni arrabattano nei gorghi
di paura dolore solitudine.
La poesia è ricerca del continuo
condiviso ogni giorno dire e fare
con coraggio e pazienza per se e gli altri.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (16)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 26/09/2008 @ 12:54:27, in Album diario, linkato 52335 volte)

Gianni Sutera
Gianni Sutera

Rimanere moderni è rinnovarsi
accettando il continuo cambiamento
come se nulla fosse la varianza
per ciascuno diversa e a tutti ignota.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (772)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 27/09/2008 @ 15:26:33, in Album diario, linkato 47296 volte)

Anitina ti chiudi come un riccio
ma dentro c'é nascosta la castagna.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (1011)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 28/09/2008 @ 12:01:55, in Album diario, linkato 14064 volte)

Accetto la globalizzazione. Ho dato una festa due mesi fa per Ruben, anni quattro, con ventiquattro piccolissimi invitati, un terzo dei quali aveva almeno un genitore non italiano. E quest’estate, a Riace, un gruppo di bambini mi ha cantato gli auguri di compleanno in italiano, inglese ed arabo.
Rispetto però la mia cultura e sono fiera di essere tradotta in otto lingue. Contraddicendo il Sole24ore di stamani  pubblico la mia versione del “Va pensiero di Verdi” come inno nazionale.

Va pensiero sull'ali di Verdi
per cantare all'Italia il suo inno.
All'Italia che libera vota.
All'Italia moderna che va.
All'Italia che parla italiano
coi dialetti da più di mill'anni.
Oh mia patria sì bella e sì amata!
Oh mia Italia la patria sei tu!
Tu sei terra di vita d'amore
di bellezza di fiori di frutti
e di suoni di voci di canti
nei tuoi borghi e le cento città.
Tu sei patria di opere d'arte.
Tu sei patria di libri di storia.
E di effimere mode, di usanze
Oh mia Italia la patria sei tu,
               la mia patria sei tu.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (22)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 29/09/2008 @ 11:26:08, in Album diario, linkato 154250 volte)

Ho capito perché la mia Italia, che entusiasma i bambini e gli stranieri, è rifiutata dagli italiani adulti se dicenti colti. Ha entusiasmato un cinese, è stata danzata da due ballerine indiane. È il canto della speranza perduta e ritrovata, che i terrorizzati dal futuro non sopportano.
……………………………….
Piango solo perduta la speranza
dei giorni della rabbia e dell'angoscia
dell'ira che nell'odio ci sconvolse
strappandoci con lacrime alla guerra.
Poiché nella rovina il nostro volto
ritrovammo e il senso della vita
con l'armonia del tempo la natura
e fummo insieme liberi e fratelli.
………………………………….
La vita che continua oltre le idee
portando nuove gemme di speranza
che fa tacere dentro le parole
e ritrovare il ritmo delle cose.
……………………………….

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (110)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3