Di seguito tutte le poesie pubblicate sul blog, in ordine cronologico.
 
 
Di oretta (del 08/04/2008 @ 12:53:27, in Ed. Sotto la Pioggia - Mancini, linkato 12258 volte)

Andrea Mancini
Andrea Mancini

Il volere s’inventa con gli oggetti
che attirano nel nulla o nel futuro
che continua alla vita il dire e il fare

La vita è una battaglia per il nuovo
e la conservazione dell’antico.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (26)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 08/04/2008 @ 15:58:20, in Ed. Sotto la Pioggia - Armodio, linkato 12016 volte)

Armodio
Armodio

Cercare il modo altro arte e voglia
di abbellire inventare rifinire
per capire il progresso tradizione

Ritrovare l’antico vecchio e nuovo
con la luce del giorno e della notte.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (24)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 09/04/2008 @ 13:56:35, in Ed. Sotto la Pioggia - Tesauro, linkato 106240 volte)

Giovanni Tesauro
Giovanni Tesauro

Un canto che è bisbiglio di parole
con suono senza senso incomprensibile

Il tempo che cammina corre avanti
e si ferma all’indietro incomprensibile.
Partire rimanere ritornare
esplorare nascondere imitare
pensare il mondo nuovo con l’antico.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (21)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 10/04/2008 @ 10:41:41, in Ed. Sotto la Pioggia - Pasetto, linkato 17028 volte)

Remo Pasetto
Remo Pasetto

Ma l’ordine cos’è, cos’è il disordine.
Conquistare l’estetica dell’ordine
non mi serve mi annoia mi confonde.

Mi domando se continuare o smettere
di cercare a ogni giorno un filarino
di immagine e parole per il sito.
Per me stessa e per gli altri vado avanti
distruggendo il passato che rigurgita.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (53)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 10/04/2008 @ 18:34:57, in Ed. Sotto la Pioggia - Gianquinto, linkato 14830 volte)

Alberto Gianquinto
Alberto Gianquinto

“Sono io, è la mia voce” gridò
e mi mostrò sul suo polso
le grinze di pelle emozione
Evviva! il mio prossimo dramma
racconta la sua Sarajevo
linguaggio e parole di lei,
coi ritmi coi tagli e gli sbalzi
che suonano dentro di me
diverse ed uguali ingrandite
scambiandoci i nostri valori.

Le macchine progresso meraviglia
di tempi spazi modi inesplorati
abbagliano frastuonano disformano
occhi e orecchie con bocca naso e pelle.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (17)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 10/04/2008 @ 18:37:59, in Ed. Sotto la Pioggia - Giovagnoli, linkato 17334 volte)

Luca Giovagnoli
Luca Giovagnoli

Fuggita alle vacanze mi ritrovo
col tempo affastellato da dimettere
in rametti piantine fiori frutti
e semi da gettare in campi arati.

Diventare me stessa poesia
perdendo la corazza bene e bello
e le fisime mode orpelli etnie.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (73)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 11/04/2008 @ 09:42:56, in Ed. Sotto la Pioggia - Marziano, linkato 28477 volte)

Giovanni Marziano
Giovanni Marziano

Procedendo per prove e per errori
si sbaglia sempre e non si sbaglia mai,
perché la verità che si ricerca
bisogna poi esprimerla in maniera
che diventi accettabile per gli altri.

Sbagli e non sbagli, il torto e la ragione,
si annullano tra loro sconvolgendosi.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (35)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 11/04/2008 @ 09:49:09, in Ed. Sotto la Pioggia - Marzot, linkato 37302 volte)

Livio Marzot
Livio Marzot

Il difficile vero si biforca
nella semplicità dell’altrui male
il nemico la guerra le battaglie.
Ritrovare la pace e l’altro vero
è la fine del mondo e il suo principio.

Per i ragazzi e le persone semplici
la mia Italia che ha voce porto avanti.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (25)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 12/04/2008 @ 16:21:58, in Ed. Sotto la Pioggia - Scazzosi, linkato 19788 volte)

Doriano Scazzosi
Doriano Scazzosi

Il mare tempestoso della scienza
affoga coi conteggi e le statistiche
l’inconscio nella logica consumo.

La scienza medicina si arrovella
nel tutto giusto retto via dai dubbi.
Sul prato tra le foglie morte l’erba
verdissima continuo a calpestare.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (51)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di oretta (del 13/04/2008 @ 08:15:06, in Ed. Sotto la Pioggia - Tadini, linkato 22470 volte)

Emilio Tadini
Emilio Tadini

Come la rossa mela
rosseggia sull’alto ramo
alta sul più alto.
La dimenticarono i raccoglitori?
No non poterono coglierla.
Saffo (versione Quasimodo)

Ho portato a mia madre i gigli rossi,
quelli che sulla terra sanguinavano
sulla cima dei monti calpestati
anche in Grecia dai piedi dei pastori.

Articolo (p)Poesia Commenti Commenti (50)  Storico Storico  Stampa Stampa